Home arrow Calcio Balilla
Calcio Balilla Stampa E-mail
giovedý 25 marzo 2010

CALCIO BALILLA

 

calcio balilla è un gioco inventato dal galiziano (spagnolo) Alejandro Finisterre che simula una partita dicalcio, in cui i giocatori manovrano, in un tavolo da gioco apposito con sponde laterali, tramite barre (o stecche), le sagome di piccoli giocatori (detti omini o ometti), cercando di colpire con essi una pallina (da 32mm a 34mm di diametro con dei buchi se si vuole) per spingerla nella porta avversaria.

In Italia viene anche chiamato impropriamente biliardino o calcetto; sono comuni anche altre denominazioni locali. Le denominazioni internazionali per tale gioco sono table footballtable soccerfoosballfoosing,futbolin.  È un gioco simbolo delle sale da giochi, in particolar modo degli oratori.

Il Giusbalino (o Jusbalino) è la variante del Calcio Balilla a giocatore singolo. Nel campo sono presenti solo il portiere ed i due difensori per ogni squadra. 

Lessico

Prillarerullaretrillarefrullaregirellarefare il mulinello o il ventolino : Si intende far roteare le stecche in modo che i giocatori attaccati a queste girino più di 360° su se stessi producendo dei colpi molto più forti, ma molto meno puliti. Il regolamento italiano non consente di servirsi di questa tecnica 

Ganciogancinopassetto o virgola: Si intende passare la palla da un giocatore ad un altro della stessa linea e poi tirare. Non è consentito dal "regolamento italiano" ma è fondamentale per i tornei giocati con il "regolamento internazionale"  

Napoletana: Si intende tirare dal tridente con l'attaccante centrale spizzicando la pallina in modo che dopo aver colpito la sponda finisca in gol. Questo tiro è tipico del gioco all'italiana Cinese , Nonno o Doppia (roma): Si intende dal tridente tirare la pallina sulla sponda e poi rapidamente colpirla con l'attaccante. Questo tiro è tipico del gioco all'italiana e ha una difficoltà medio-alta. 

Doppia sul difensore: Variante della doppia descritta precedentemente, ma facendo sponda contro uno ei difensori. 

Civetta: Tiro effettuato da uno degli omini laterali della difesa, in diagonale, direttamente in porta. Particolarmente efficace quando l'attaccante marca il difensore per evitare il tiro diretto e quindi lascia libera la direzione di tiro diagonale. 

Tiro di sponda del portiere: In un gioco avanzato è la tecnica di attacco più pericolosa. Il difensore può tirare in porta sfruttando la sponda sul lato esterno del proprio omino (spondone) o quella opposta, sul lato interno rispetto all'omino (sponda incrociata). Risulta efficace perché assume traiettorie non troppo prevedibili, superando lateralmente attacco e centrocampo. La tecnica di marcatura più efficace in questo caso, prevede di schiacciare completamente in centrocampo contro la sponda, alzando leggermente gli omini. In questo modo si riesce a chiudere il passaggio laterale alla palla. 

Sponda laterale: Prevede di spostare la palla facendola sbattere in orizzontale contro la sponda laterale. In questo modo la palla si muove velocemente in orizzontale permettendo, se eseguita in velocità, di evitare la marcatura. Efficace sia se effettuata dall'attaccante, sia se effettuata dal portiere. 

Scattino: Si mantiene la pallina su un lato dell'attaccante e dopo un rapido movimento laterale si conclude il tiro sempre con lo stesso attaccante di partenza. 

Foto o Flash o Chiapponi: Consiste in quello che può essere definito un tapin vincente, in quanto l'attaccante segna subito dopo essersi fatto parare in un primo tempo il tiro col portiere. Caratteristica della foto è di avvenire molto velocemente. È Foto anche ribattere in gol di prima un tiro del difensore. 

Staffile: Tiro di rara potenza scoccato direttamente dal portiere verso la porta avversaria, noto anche come Sabongia, Casciòni, Staffa, Fornile o Pipina (nel Livornese); è anche un sinonimo stesso del gioco. 

Morbidone, Lentona o Debolona: Tiro molto lento scoccato dalla difesa avversaria o dalla linea mediana che, proprio grazie alla sua velocità anomala e alla traiettoria risulta particolarmente insidioso, soprattutto per i giocatori alle prime armi, talvolta viene anche definito con il termine ironico di "Mozzarella". 

Mozzarella: Termine analogo a morbidone per indicare un tiro involontariamente lento che si insinua nella difesa avversaria ed entra in porta. 

Cigno o Manicciola (roma): Gol realizzato a tutta potenza colpendo la pallina con il centrocampista centrale non appena questa viene messa in gioco. 

Coccodrillo: Tiro di assoluta forza e precisione balistica che permette la realizzazione direttamente con uno dei due difensori. 

Topo: Pallonetto dalla difesa verso l'attacco ottenuto mediante violenta tirata (o spinta) longitudinale della stecca, che "schiaccia" la pallina tra la sponda e il difensore, facendola così impennare. 

Tre-Cinque (3-5) o Pipe o Pistola (Roma),Altalena: Consiste in un rapido scambio di palla tra il tridente ed i mediani, in cui gli attaccanti toccano la palla all'indietro per poi alzarsi e lasciare che i cinque di mezzo possano effettuare un tiro di notevole potenza verso la porta avversaria. Per evitare che i mediani avversari chiudano lo specchio della porta è necessario che lo scambio venga effettuato con considerevole rapidità. Viene anche chiamata col termine inglese "Pipe", in quanto la metodologia di realizzazione è simile a quella della Pipe della pallavolo. 

Veloce (5-3) Movimento contrario alla pistola. Assist dai 5 veloce per i 3 che di prima tirano. 

Mossa del Monte Passaggio veloce con uno dei due difensori verso il portiere e tiro immediato. 

Svizzera O Taglio: Tiro deciso in diagonale effettuato colpendo la pallina con la parte più interna di uno degli attaccanti esterni dell'ultima stecca.

Ultimo aggiornamento ( giovedý 25 marzo 2010 )